Chi siamo

Bosco di fiaba, mondo diverso
Fammi trovare il bambino che ho perso
Valle lontana, regno incantato
Cerco il bambino che ho abbandonato
Rete di rovi, rami più verdi
Prima lo trovi ma poi lo riperdi
La fiaba è antica, la strada è nuova
Tanta fatica ma è lui che ti trova
Dagli la mano, non perderlo più
Ora il bambino sei tu


B. Tognolini, B-Bambino

in L'Alfabeto delle Fiabe


Cartastraccia, perché di carta è la maggior parte delle cose che amiamo. Perché della parola straccia ci piace il suono di orecchia messa alla pagina, di bigliettino passato sotto il banco e subito riaccartocciato, di libro sfogliato dal vento in riva al mare, di punte di piedi che si stiracchiano per sollevarsi di qualche centimetro e cambiare completamente prospettiva. E perché tutto insieme il nome Cartastraccia ci fa pensare a qualcosa di nascosto in fondo a un cassetto che improvvisamente si trasforma nella "possibilità di una storia", o a un gioco che può ricominciare ogni volta da capo...

L’Associazione Cartastraccia ha come obiettivi principali la valorizzazione e la promozione della cultura e del sapere pratico. Si impegna in particolare ad avvicinare giovani e giovanissimi alla lettura e all’uso delle biblioteche, a diffondere la conoscenza e il piacere di attività artistiche, artigianali (teatro, musica, fotografia, stampa, lavorazione della carta) e multimediali. Cartastraccia organizza letture ad alta voce, laboratori artistici, momenti di formazione e aderisce al progetto nazionale Nati per Leggere. Dal 2015 è ente amico dell'AIB, Associazione Italiana Biblioteche. 

Le socie di Cartastraccia provengono da diverse esperienze ma sono unite dall'amore per le parole e le immagini: lettrici per bambini e ragazzi, dottorande, studiose, un'attrice teatrale, una fotografa, una raffinata curatrice, un incisore. Nel marzo del 2011 abbiamo fondato l'associazione, e di lì a poco hanno iniziato a collaborare con noi anche una biologa, un architetto e grafica, una ricercatrice, una lettrice per bambini aspirante illustratrice, un'arteterapeuta, una traduttrice. Poi qualcuna di noi è diventata mamma, qualcuna zia, qualcuna è disoccupata, qualcun'altra ha trovato un'occupazione (parziale, NdR). Mosse dall'intento di dedicarci all'attività culturale e di promozione della lettura, dalla passione per la grafica d'arte e per il libro artigianale, ci siamo date il nome Cartastraccia perché ci suggeriva qualcosa di piccolo, di poco valore, di scarto... ma anche di anticonvenzionale e liberatorio: come Bruno Munari lasciava  distruggere ai bambini il grande albero di carta che avevano costruito insieme, noi pensiamo ai libri non come a qualcosa da collezionare e idolatrare ma come a oggetti con cui dialogare ogni giorno, da stringere, sfogliare, costruire, stropicciare, distruggere e ricomporre...

SOCIE FONDATRICI CARTASTRACCIA

Gabriella Caponigro (Roma 1985) lavora come fotografa in diversi ambiti (reportage, fotografia d’autore, ritratti di artisti). Laureata in Filosofia, è dottoranda di ricerca in Filosofia presso l’ Università G. D’Annunzio di Chieti. E' mamma di due bimbe e già zia di una ciurma numerosa e rumorosa di appassionati e fedeli utenti dei nostri laboratori e letture.  


Giulia Donato (Roma 1985) ha prestato servizio civile presso le Biblioteche di Roma per il progetto “Ascolta, guarda e sfoglia: in biblioteca c’è un libro anche per te”. Con Cartastraccia ha partecipato a laboratori e letture nelle biblioteche comunali, durante il festival "C'era una volta" alla Pelanda del Macro di Roma e alla Fiera della Piccola e media editoria (Roma 2012). Appassionata di fumetti, per questo blog ha curato la rubrica "La testa fra le nuvole". 




Caterina Guiso Gallisai (Roma 1983), realizza attività per bambini di promozione del libro e della lettura, con una particolare propensione per la fascia dei piccolissimi. Laureata in Storia e Conservazione del Patrimonio Artistico, ha maturato esperienze di didattica museale. Dopo aver prestato servizio civile presso le Biblioteche di Roma per il progetto “Ascolta, guarda e sfoglia: in biblioteca c’è un libro anche per te”, non ha più smesso di leggere a alta voce nelle biblioteche e negli asili e di tenersi aggiornata partecipando a fiere, incontri internazionali, convegni e corsi di formazione. Potete trovare Caterina alla Biblioteca Flaminia, intenta a scovare libri per piccolissimi o a leggere a alta voce per i piccoli utenti.

Cora Presezzi (Milano 1984), attrice della compagnia RuotaliberaTeatro, dal 2009 si dedica al teatro per l’infanzia. Come operatrice Cartastraccia svolge periodicamente cicli di letture ad alta voce nell'ambito di manifestazioni e fiere e tiene laboratori di lettura e drammatizzazione per ragazzi. Dal 2008 al 2010 ha collaborato con la casa editrice fiorentina La Casa Usher, per la quale ha tradotto diversi titoli dal francese. Negli stessi anni ha curato e organizzato percorsi espositivi ed eventi culturali legati all'editoria. E' Dottore di Ricerca in Filosofia e Storia della Filosofia (Sapienza Università di Roma); nel corso del triennio di specializzazione dottorale ha organizzato convegni e partecipato a conferenze e seminari di ambito nazionale e internazionale sulle tematiche della sua ricerca, didicata alle trasformazioni del mito di Simon Mago, alle controversie religiose del Cinquecento, alla caccia alle streghe e alle leggende popolari che costituiscono il retroterra culturale per la genesi del mito faustiano nella letteratura tedesca della prima età moderna. 

Leyla Vahedi  (Terni 1984) sin dall'infanzia dipinge nello studio del padre pittore. Appassionata di stampa d'arte, si dedica in particolar modo alla linografia e alla calcografia, tecnica approfondita con le maestre Maria Pina Bentivenga e Elisabetta Diamanti. Laureata in Storia della filosofia, si occupa di editoria per ragazzi ed è dottoressa di ricerca in Comunicazione e Ricerca Sociale (Università La Sapienza di Roma). 
Collabora con biblioteche e case editrici organizzando laboratori creativi e attività per bambini e giovani adulti. Organizza letture a alta voce, laboratori intorno al libro, workshop di incisione per bambini e adulti. È la coordinatrice della Classe di nudo autogestita e del Laboratorio aperto di Monotipo. Per Cartastraccia cura il blog ed è responsabile del progetto "Leggere prima", corsi di formazione per genitori e aspiranti sui libri per piccolissimi, presso il Consultorio di Via Salaria, a Roma. La sua biblioteca di riferimento, in cui va come utente e come lettrice, è la Biblioteca Villa Leopardi. 


COLLABORANO CON CARTASTRACCIA

Fulvia Avaltroni (Roma 1985), laureata nel 2009 in Conservazione e Restauro di Beni Librari presso l'Università di Tor Vergata di Roma, qui scopre e si innamora per sempre  dei libri d'artista e della grafica d'arte. In fuga dagli ambienti accademici e troppo seriosi dell'università, trova rifugio nella Biblioteca Centrale Ragazzi di Roma, dove svolge servizio civile con un progetto di promozione alla lettura. Sarà questo un anno importante dal punto di vista umano e formativo: proprio lì conoscerà Cartastraccia riconoscendovi intenti e passioni da condividere. Attualmente frequenta il corso di specializzazione alla pedagogia steineriana presso la scuola Janua di Roma. Legge ad alta voce e organizza laboratori creativi per tutti gli gnomi della città. Da grande sarà illustratrice di libri per l'infanzia. 

Gaia Conforzi, nata e vissuta a Roma (1984), scapperebbe volentieri dalle città. Laureata in Conservazione della Natura con una tesi sperimentale in Botanica sistematica, durante gli studi ha lavorato per la preziosa collezione di piante succulente dell'Orto Botanico della Tuscia e come assistente alla didattica ambientale presso la Fondazione Bioparco di Roma e la Cooperativa Darwin. E' councelor responsabile dell'educazione ambientale presso summer camps dell'Università di Lingue dell'Ohio, in Minnesota. Oggi si dedica con passione alle proprietà curative delle piante. Sul blog di Cartastraccia cura la rubrica "Ghiaia - sassolini di saggezza". 

Silvia Garrone (Roma 1984), architetto e grafica, vive e lavora a Roma. Ha frequentato il corso di stampa dell’artista catalana Nuria Duran e quello di incisione alla Scuola di Arti e Mestieri San Giacomo con le maestre Maria Pina Bentivenga e Elisabetta Diamanti. Studia le tecniche di disegno di Betty Edwards che si basano sulle funzioni cognitive non verbali, sintetiche e spaziali. Cura il blog Incisivart e ha progettato e disegnato il logo di Cartastraccia. 







Stella Larotonda



Orsola Longhini (1987) è storica dell'arte e terapeuta. Lavora con bambini e ragazzi normodotati e diabili in scuole, case famiglia e librerie ed è specializzata in laboratori espressivi di gruppo.










 
Alice Miggiano (Roma 1983), laureata in Lingue e Civiltà Orientali, è dottoranda di Letteratura Persiana Contemporanea presso L’Università Orientale di Napoli e ha lavorato per anni presso l'Ambasciata della Repubblica Islamica dell’Iran. E' attiva nel campo culturale con l'organizzazione di conferenze tematiche, presentazioni di libri e rassegne cinematografiche. 




 



Paolo Saverio Pascone (1984), laureato in Storia contemporanea e diplomato in archivistica, paleografia e diplomatica, ha collaborato con l'Archivio di Stato di Roma, l'Archivio storico capitolino e il Centro specializzato ragazzi delle Biblioteche di Roma. Svolge attualmente un dottorato di ricerca in Scienze del libro e del documento presso l'Università Sapienza di Roma. 




Marie Rebecchi (Roma 1983), laureata in Filosofia e dottore di Ricerca in Estetica e Teoria delle Arti, attualmente svolge una ricerca post-doc presso l'EHESS di Parigi e insegna Arte e Nuovi Media allo IULM di Milano. Lavora come assistente gallerista a Parigi e svolge attività di curatela indipendente sia in Italia che Francia; recentemente ha curato la sezione dedicata al cinema della mostra The Small Utopia. Ars Multiplicata presso la Fondazione Prada di Venezia. 


Fiona Sansone, si laurea in Discipline Arti Musiche e Spettacolo (Roma Tor Vergata), ottiene il Master Il Clown Nelle Strutture Socio-Sanitarie (Università Roma Tre) e il Diploma professionale di Regia teatrale presso l’Accademia dell’Attore Teatro Integrato Internazionale di Roma. Formatasi successivamente con il teatro civile di Ninni Bruschetta e il teatro partecipato di Veronica Cruciani si dedica principalmente alla didattica teatrale sia per l'infanzia che per gli adulti; insegna nel Lazio e in Abruzzo per tutti gli ordini dell'istruzione pubblica. Ottiene la Cattedra del corso di Recitazione del Università di Teramo e collabora come docente nei Corsi di Aggiornamento in Teatro D’Animazione Pedagogia e Didattica Teatrale per l'Università Roma Tre - Scienze della Formazione. Svolge numerose collaborazioni con Teatro di Roma, Biblioteche di Roma, CSS Teatro Stabile d'Innovazione, Ruotalibera Teatro. Vince il Premio Giovani Realtà del Teatro 2014 con la Regia de Diario di una casalinga serba, sezione monologhi. Per la Compagnia UraganVera firma la regia de: Diario di una casalinga serba (produzione CSS Teatro Stabile d'Innovazione); Piena di Vita (produzione Ruotalibera Teatro-Progetto Produzioni Giovani Compagnie. Per la Compagnia GalloSansone firma la regia de: La Parabola della Croce Storta (produzione Compagnia GalloSansone/Ersilio M.); Bella e Bestia (coproduzione Teatro di Roma/ Ersilio M.); La primavera di Jeanne d'Arc (produzione Teatro di Roma-/Teatro il Moderno/Ersilio M.).


Francesca De Amicis (Pescara, 1978), laureata in Lettere a Bologna, è insegnante di italiano per stranieri, oltre che mamma di 3 bimbi. Conosce Cartastraccia nel 2013 presso il Consultorio di Via Salaria (Roma) durante un corso preparto e da allora inizia a sperimentare la lettura ad alta voce con i suoi bambini, traendone un beneficio che va oltre le sue aspettative. Da allora organizza letture, mette insieme mamme e non, con lo scopo di far scoprire ai genitori che “leggere ai bambini conviene, è un vero e proprio linguaggio e… funziona anche quando sei sfinito o arrabbiato con loro!”. Francesca coordina Voci in gioco, un gruppo di lettori volontari presso la biblioteca comunale Villa Leopardi.

 

COLLABORAZIONI STRAORDINARIE

Tiziana Lucattini dirige Ruotalibera continuativamente dal 1991, raccogliendo e sviluppando la vocazione della compagnia fin dalla nascita, riconfermando oggi questa presenza artistica ostinata nelle periferie, accanto a tematiche difficili che hanno trovato nell’arte la loro possibilità di “essere dette”. Attrice, regista e drammaturga, autrice di testi premiati: premi e segnalazioni per Scarpette rosse e Il bambino che non c’è, ricevuti per un teatro della necessità, un teatro che vuole leggere la contemporaneità, restarne stupita, assumersi la responsabilità sociale e artistica di indicarne la barbarie perpetrata contro tutte le infanzie del mondo. Tradotti in francese, tedesco, inglese, spagnolo e fiammingo, i suoi testi vengono messi in scena in diversi teatri europei (solo alcuni: Lille, Lione, Strasburgo, Avignone, Berlino, Madrid, Anversa) e americani (New York City - Fringe Festival; Università del Massachussets). Formatrice teatrale con riconoscimenti internazionali (Progetto di Formazione Teatrale Euro Theatre, Università del Vermont, USA), collabora con le nuove formazioni e coinvolge nei suoi progetti giovani attori, molti dei quali formati alla sua scuola. 

Fabio Traversa, attore di cinema, teatro e televisione, immagine amata e legata a personaggi cult del cinema italiano, collabora stabilmente con Ruotalibera - Teatro Centrale Preneste - dal ‘95, occupandosi di spettacoli di rilevanza nazionale e europea per l’infanzia e i giovani (tournée in Francia, Spagna, Irlanda, recitando nella lingua dei diversi paesi), come attore/coautore/regista e di letture sceniche ed interculturali nelle Biblioteche romane. Collabora con artisti visivi e performer della scena romana presso teatri come Teatro Furio Camillo, Colosseo, Ghione, Cometa. Ha esperienze di linguaggio video-cinematografico e video-teatro con adolescenti e attori non professionisti. Ha realizzato corti come autore e attore.